+39 055 7224101 -08

commerciale@tecnoseisrl.com
Supporto & Assistenza

Created by Olena Panasovska from the Noun Project

Scandicci (FI)

Via Pisana 336
50018 Scandicci - Firenze

Pompe elettriche a spruzzo

Macchina elettrica schiuma a spruzzo: il modello Reactor

 


 

Indice degli argomenti

    1. Macchina elettrica schiuma a spruzzo: usi e funzionamento
    2. Reactor 2 E-30: perché scegliere questo modello?
    3. Macchina elettrica schiuma a spruzzo con tecnologia avanzata
    4. Quali applicazioni sono consigliate
    5. Perché scegliere Tecnosei per la tua macchina elettrica a spruzzo

 


Macchina elettrica schiuma a spruzzo: usi e funzionamento

La macchina elettrica schiuma a spruzzo trova larga applicazione nei cantieri, soprattutto negli interventi di rifacimento dei tetti oppure nei casi di lavori di ampliamento. Questo tipo di isolamento termico è in rapida ascesa, a livello globale, poiché oltre ad avere un ottimo coefficiente termico ha anche una particolare resa sul chiudere tutte le fessure, eliminando le infiltrazioni d’aria. In questo modo, i costi si abbassano del 50%. Ottimo isolante quindi, la cui applicazione è possibile anche su un materiale preesistente, senza che ci sia nessun tipo di demolizione. Le principali applicazioni della schiuma sono tre: isolamento tetto tra i travetti ed i pannelli viene inserita la schiuma che cresce fino a triplicare il suo volume e sigilla i pannelli; fori di tenuta, cioè il riempimento di fori al fine di evitare l’ingresso di aria e, infine, come sigillatura di tubature o cavi elettrici perché la schiuma funziona anche per l’impermeabilizzazione delle superfici.


Reactor 2 E-30: perchè scegliere questo modello?

La macchina elettrica schiuma a spruzzo Reactor 2 E-30 è un’innovazione nel settore. Evoluzione dei sistemi Reactor, pensata e realizzata per le aziende per le sue prestazioni di spruzzatura migliori ottimizzando i parametri e senza dover tornare all’impianto. Inoltre, la sua velocità di risoluzione problemi di funzionamento grazie alle scorciatoie del codice QR è ideale per abbreviare le tempistiche. Tutto ciò è indispensabile per le aziende che devono tener conto delle scadenze, ad esempio. Altro vantaggio di Reactor è la sua ergonomia perché il design innovativo permette una più facile manutenzione, e a sua volta l’ingombro compatto comporta più spazio nell’impianto di spruzzatura.


Macchina elettrica schiuma a spruzzo con tecnologia avanzata

I miglioramenti di software e hardware prevedono numerosi vantaggi. Reactor è in grado di tracciare, monitorare e salvare i dati del progetto in corso su un dispositivo USB. Ogni caratteristica di Reactor è stata progettata, in modo strategico, per supportare l’attività. Si potrebbe parlare di una tecnologia di nuova generazione della schiuma a spruzzo. Altra funzione di Reactor è memorizzare fino a 24 ricette di sostanze chimiche.


Quali applicazioni sono consigliate

Le macchine elettriche schiuma a spruzzo Reactor 2 sono pensate per le aziende che vogliono avere controllo completo sulle fasi di lavorazione, anche da remoto, e massima produttività. Nascono come un mix perfetto tra tecnologia hardware e software e materiali resistenti e solidi, che ne consentono un uso costante e prolungato senza nessun tipo di intoppo e livelli di usura ridotti al minimo. La loro applicazione è consigliata soprattutto a fronte di grandi superfici da trattare o lavori particolarmente lunghi e complessi, nei quali occorre precisione ma anche alte performance di rilascio del materiale.


Perché scegliere Tecnosei per la tua macchina elettrica a spruzzo

Perché siamo prima consulenti che distributori. Questo significa che non ci interessa parlare del singolo prodotto e delle sue qualità, bensì di quello che meglio si conforma alle esigenze specifiche di un’azienda o del tipo di uso che intende farne. Abbiamo la fortuna di lavorare con alcuni dei più importanti brand del settore dei macchinari a spruzzo e questo ci permette di avere a disposizione una gamma di prodotti di primissima fascia. Perché un cliente sia veramente soddisfatto però occorre sapere bene quale applicazione intende fare di un macchinario. Per questo abbiamo un approccio che prima mira a capire le reali esigenze di ogni singola azienda e poi a indicare una serie ristretta di modelli che possano soddisfarle davvero.